Come recuperare i contatti dell'autocompletamento di Outlook 2013 e 2016

Come recuperare i contatti dell'auto-completamento di Outlook 2013 e 2016

 

Come recuperare i contatti dell'auto-completamento di Outlook 2013 e 2016

La maggior parte degli utenti non utilizza la Rubrica di Outlook per memorizzare i propri contatti, ma sfrutta, volontariamente o meno, la comodissima funzionalità di auto-completamento dello stesso Outlook. In pratica quest'ultimo memorizza tutti gli indirizzi email inseriti nei campi "A", "CC" e "CCn" per la prima volta. Per gli invii successivi sarà sufficiente iniziare a digitare i primi caratteri dell'indirizzo email del destinatario in uno degli appositi campi e selezionare quello desiderato tra quelli proposti.

Fino alla versione 2010 di Outlook queste informazioni venivano memorizzate in un file con estensione n2k che poteva essere importato in una nuova installazione, mentre dalla versione 2013 vengono salvati in un file composto da un nome e da un codice che lo associa al profilo di Outlook:

Stream_Autocomplete_*.dat

Si trova nella cartella %userprofile%\AppData\Local\Microsoft\Outlook\RoamCache\.

In seguito ad una nuova installazione di Outlook o ad una nuova configurazione di un account (per es. rimozione di un account configurato come pop3 e riconfigurato come imap) molto probabilmente l'auto-completamento risulterà vuoto.

Se avete ancora il file Stream_Autocomplete_....dat di cui sopra (con dimensione di qualche decina o centinaia di KB), potete ripristinare facilmente tutti i vostri contatti seguendo i semplici e veloci passaggi illustrati di seguito:

  1. Aprire il nuovo Outlook;
  2. Scrivere una mail ad un indirizzo mai usato (anche inesistente) ed inviare la mail;
  3. Chiudere Outlook (in questo modo Outlook avrà creato il nuovo file Stream_Autocomplete nella RoamCache);
  4. Posizionarsi nella cartella %userprofile%\appdata\Local\Microsoft\Outlook\RoamCache;
  5. Copiare al suo interno il vecchio file;
  6. Localizzare il file di auto-completamento più recente salvato da Outlook (sarà il più piccolo, con dimensione di pochi KB); provando ad aprirlo col Blocco Note dovrebbe contenere il solo indirizzo al quale è stata inviata la finta email;
  7. Copiare il nome del nuovo file e cancellarlo;
  8. Rinominarevil vecchio file con il nome appena salvato;

9. Avviare Outlook e provare a digitare un indirizzo in una nuova mail (dovrebbero apparire i contatti precedentemente memorizzati dall'auto-completamento).

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information